Primo Piano

Sei d'accordo affinchè Cassibile - Fontane Bianche diventi comune autonomo



Risultati

Attività del Circolo

Newsletter

Libro Paolo romano

visualizza il pdf del libro

Previsioni meteo

Intervento su via della Madonna

News

CELEBRAZIONI 75° ANNIVERSARIO DELL'ARMISTIZIO

CELEBRAZIONI 75° ANNIVERSARIO DELL'ARMISTIZIO

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018 - COMUNICATO

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018 - COMUNICATO

non nascondo che Il risultato elettor....

COMIZIO ELETTORALE 20 MAGGIO 2018

COMIZIO ELETTORALE 20 MAGGIO 2018

MANIFESTO POLITICO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018

MANIFESTO POLITICO ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018

 marchese Silvestro Gutkowski Loffredo di Cassibile

marchese Silvestro Gutkowski Loffredo di Cassibile

10 FEBBRAIO 2017 - GIORNATA DEL RICORDO

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Bookmark and Share

Il 10 Febbraio ricorre il giorno del ricordo istituito con la legge 30 marzo 2004 n. 92.

Lo Scopo è di conservare e rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell'istria che fra il 1943 e il 1947 sono gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani.
La prima ondata di violenza esplode subito dopo la firma dell'armistizio dell'8 settembre 1943: in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti. Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle foibe circa un migliaio di persone.

Li considerano 'nemici del popolo. Ma la violenza aumenta nella primavera del 1945, quando la Jugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l'istria.

Le truppe del Maresciallo Tito si scatenano contro gli italiani. A cadere dentro le foibe ci sono fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini.

 

È una carneficina che testimonia l'odio politico-ideologico e la pulizia etnica voluta dal comunista Tito per eliminare dalla futura Jugoslavia i non comunisti. La persecuzione prosegue fino alla primavera del 1947, fino a quando, cioè, viene fissato il confine fra l'italia e la Jugoslavia.

Il Circolo Bartolo Implatini aderisce alla giornata del ricordo perchè ritiene importante ricordare per non dimenticare ed affinchè fatti del genere non abbiano più a succedere e per onorare tutte le vittime e le famiglie italiane e non che sono state ingiustamente coinvolte.

Viva L'Italia

Circolo Bartoli Implatini

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento:

Romano Presidente

Facebook

Ora esatta

Facebook

Fondatore circolo

Manifesto politico

Sondaggi

Il nostro partito sta lavorando bene




Risultati

Utenti online ora

 15 visitatori online

Riflessioni



segnalato da mctechno Assistenza Computer - realizzazione siti web professionali - Recupero dati Hard Disk - Corsi informatica
Realizzazione siti web – indicizzazione siti web - Assistenza computer – Assistenza reti informatiche per aziende - Recupero dati - Corsi di formazione
 
Sito gestito da Paolo Romano